Studio Fisioterapico SANGALETTI

Studio Fisioterapico
SANGALETTI
SANGALETTI
Studio Fisioterapico
Studio Fisioterapico
Studio Fisioterapico
SANGALETTI
SANGALETTI
Studio Fisioterapico SANGALETTI
Vai ai contenuti
Curare il mal di testa con la Fisioterapia
Il mal di testa o cefalea viene definito come un disturbo doloroso associato a volte a dolorabilità della faccia e/o del collo: è una patologia comune, più frequente nelle donne.
 
Possiamo suddividere le cefalee in 3 categorie:
 
1)  EMICRANIA con e senza aurea, interessa il 14,7% della popolazione in Europa (8% uomini e 17% donne):
 
è caratterizzata da un dolore ricorrente con esordio graduale localizzato generalmente in un lato della testa con intensità pulsante; spesso provoca nausea e sensibilità alla luce; può essere preceduta da sintomi premonitori (aura) costituiti da cambiamenti dell’umore e del comportamento;
 
2) CEFALEA A GRAPPOLO, interessa dallo 0,09% al 0,3% della popolazione europea: presenta attacchi di dolore concentrati in periodi “attivi” definiti “grappoli” che ricorrono con una frequenza variabile da uno ogni 2 anni a 2 all’anno. E’ caratterizzata da un dolore estremamente grave di tipo trafittivo, lancinante, a pugnalata, con intensità elevata; è sempre unilaterale e la sede più frequente del dolore è la regione oculare; possono essere accompagnate da arrossamento e da congestione nasale. Una caratteristica particolare è che l’attacco di cefalea esordisce generalmente in un orario fisso.
 
3)  CEFALEA MUSCOLO-TENSIVA: la più diffusa ed eterogena, rappresenta dal 20 al 60% di tutte le cefalee con una prevalenza nella popolazione generale in Europa del 62%.
 
è caratterizzata da un dolore spesso bilaterale, a sede frontale e occipitale (la classica cefalea “a casco”), con un’intensità lieve-moderata e un dolore di tipo oppressivo/compressivo in assenza di sintomi associati. Generalmente si avverte un irrigidimento della muscolatura cervicale che può scendere fino alle spalle e salire irradiandosi alle tempie.
 
Si tratta di una pressione sorda che può essere talvolta accompagnata da sensazioni di nausea, affaticamento oculare, mal di denti e atteggiamenti ansiogeni e nervosismi.
Rispetto alle prime 2 forme di mal di testa, la cefalea muscolo-tensiva ha come causa riconosciuta dalla clinica la presenza di disfunzioni muscolo-articolari; spesso chi soffre di questo tipo di cefalea utilizza farmaci antidolorifici o rimedi casalinghi che riducono temporaneamente il dolore, ma che immancabilmente si ripresenterà.
Perché non si riesce a trovare una soluzione duratura?  
Perché non si sta lavorando sulla causa del problema ma si agisce solo sul sintomo, i farmaci più comunemente utilizzati, il calore, hanno solo l’obiettivo di rilassare il muscolo e non quello di indagare e trattare la causa biomeccanica che lo rende dolente.

Per arrivare alla soluzione bisogna cominciare a porsi la domanda giusta: a cosa è dovuto questo irrigidimento cervicale ricorrente e che non passa?
Per definizione, i meccanismi che innescano la cefalea muscolo-tensiva derivano da una tensione muscolare aumentata derivante da diverse parti del nostro corpo che non stanno lavorando correttamente:

- Disfunzioni cervicali, sub-occipitali e della colonna vertebrale in generale
- Disturbi visivi
- Errata masticazione
- Errato allineamento posturale
- Disfunzioni muscolari viscerali (esofago, stomaco, intestino…)

I problemi di vista possono creare compensazioni da parte della muscolatura che regola il movimento degli occhi e di conseguenza anche ai muscoli occipitali dietro alla nuca che lavorano in sncronia per muovere la testa assecondando il movimento dello sguardo; questi muscoli ipersollecitati si possono irrigidire ed andare incontro a spasmo, provocando dolore che si irradia al cranio.
La correzione di eventuali malocclusioni e il ripristino del corretto lavoro dei muscoli masticatori può portare alla risoluzione del dolore.
Pur riconoscendo il problema delle contratture muscolari nella cefalea muscolo-tensiva, la medicina ufficiale propone come soluzione farmaci miorilassanti o analgesici che possono essere utili in fase acuta ma non rappresentano la soluzione al problema.
Attraverso un’accurata valutazione muscolo-scheletrica è possibile individuare una disfunzione muscolare o un disallineamento che alimentano errate tensioni e quindi procedere con un trattamento mirato ed individualizzato per la riduzione del dolore e della sintomatologia in generale.
Bisogna ricordare che prima si interviene e più facile risulta la risoluzione del problema.

Lo Studio Sangaletti si propone come centro specializzato nella valutazione e nel trattamento delle cefalee muscolo-tensive grazie alla collaborazione di diversi specialisti che lavorano sinergicamente per trovare la soluzione più adatta. I Fisioterapisti specializzati in rieducazione posturale, terapia manuale ed osteopatia; l’ottico-optometrista, l’odontoiatra specialista in gnatologia, il logopedista, il fisiatra, la psicologa lavorano con coscienza medico scientifica per studiare accuratamente ogni caso e proporre l’approccio terapeutico più idoneo con risultati visibili in breve tempo.

1 I. Apollonio; G.Cavaletti; P.Cortelli;  A.Federico; C. Ferrarese; M.G. Marciani; E. Sganzerla: Core Curriculum-Malattie del sistema nervoso, 2011; 9: 142:153.
2. OMS-Organizzazione Mondiale della Sanità: Atlante dei disordini da mal di testa e risorse nel mondo, 2011; 1-35.


© Studio Sangaletti
Cortesia, Disponibilità, Professionalità
Torna ai contenuti